Attenzione: chi utilizzi le informazioni riportate in questo articolo lo fa a proprio rischio e pericolo, sollevando l'autore da qualsiasi responsabilità e rinunciando a qualsiasi rivalsa nei suoi confronti. 

Nuovo logo SIIl 16 novembre 2018 è stata una giornata storica per il mondo intero: la Conferenza Generale sui Pesi e Misure (CGPM, General Conference on Weights and Measures), nel corso della 26a riunione a Versailles, ha approvato all'unanimità la revisione del Sistema Internazionale delle Unità di Misura (SI). L'approvazione della Risoluzione A, che entrerà in vigore il 20 maggio 2019, stabilisce importantissime novità:

  • la ridefinizione dei valori delle costanti universali della fisica
  • la ridefinizione delle unità di misura fondamentali in modo che siano tutte basate sulle costanti universali della fisica e che si possano realizzare in qualsiasi laboratorio appositamente attrezzato mediante esperimenti.

In conseguenza all'approvazione di questa revisione, andrà in pensione il kilogrammo campione custodito a Parigi e verrà sostituito da esperimenti che possono essere realizzati in qualsiasi parte del mondo. Non sarà più necessario, quindi, recarsi a Parigi per confrontare il campione di massa nazionale con l'originale. Cambia anche la definizione dell'unità di corrente elettrica, il nostro beneamato ampere, in quanto la definizione sperimentale basata sull'attrazione dovuta al campo magnetico che si genera allo scorrere della corrente in due fili (ancora in vigore per qualche mese) è difficile da realizzare e, in fin dei conti, poco precisa. Stessa sorte per l'attuale definizione del kelvin (unità di misura della temperatura) e della mole (quantità di sostanza), entrambe destinate all'oblio cry.

Dunque, come già detto, dal 20 maggio 2019 tutte le definizioni delle unità di misura saranno basate su costanti fisiche universali e saranno pertanto realizzabili (cioè sarà possibile tarare uno strumento o un campione di lavoro dell'unità di misura) attraverso esperimenti eseguiti da chiunque abbia conoscenze adeguate, in qualsiasi laboratorio debitamente attrezzato.

Finalmente avremo unità di misura fissate per sempre, per tutti! (Beh, almeno fino alla prossima revisione... smile)

Una curiosità: come mi ha fatto notare un collega, l'istituto che si è dato da fare più di tutti per questa ridefinizione è il NIST, National Institute of Standards and Technology, l'istituto metrologico primario degli Stati Uniti d'America undecided. Si, gli Stati Uniti, proprio quelli che confondono il mondo intero continuando a usare il piede invece del metro, la libbra invece del kilogrammo e altre unità di misura fantasiose prese dal cosiddetto Sistema Imperiale surprised. Come dire che chi ha pane (le risorse necessarie per questa rivoluzione epocale) non ha i denti per mangiarlo (in quanto la popolazione e l'industria americana sono legate ancora a unità di misura obsolete) laughing.

Prima di vedere insieme le nuove definizioni, credo sia importante rimarcare che, ai fini pratici, nella nostra vita di tutti i giorni non cambierà niente: non dimagriremo, non ingrasseremo, non saremo più alti o più bassi, i nostri trasmettitori avranno la stessa potenza di sempre, ammesso che li trattiamo con la dovuta "cortesia", e così via. Tuttavia, giusto per fare qualche esempio, sarà più agevole disporre di strumenti tarati in maniera compatibile in tutti i paesi del mondo, indipendentemente, per esempio, dalle relazioni diplomatiche tra il paese che necessita dell'unità di misura e i detentori di campioni ufficiali, e indipendentemente da altre condizioni critiche. Inoltre, si spalancano le porte a interscambi commerciali e industriali di alta tecnologia e si riducono i contenziosi internazionali legati alle differenze delle realizzazioni locali delle unità di misura. Soprattutto, nel mondo della ricerca scientifica e tecnologica, si rendono maggiormente confrontabili studi su scala meno che microscopica, pensiamo per esempio alla meccanica quantistica e agli studi sulle onde gravitazionali, e si facilita la collaborazione tra gruppi di scienziati dislocati sull'intera superficie mondiale (e, direi, anche al di fuori del nostro pianeta Terra!)

Vediamo in dettaglio le nuove definizioni:

Pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 244 di venerdì 19/10/2018, Serie generale, il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 5/10/2018 "Piano nazionale di ripartizione delle frequenze tra 0 e 3.000 GHz." (18A06719) che assegna anche ai radiomatori italiani l'uso delle frequenze da 5351,5 kHz a 5366,5 kHz con statuto di servizio secondario. Si può trasmettere con potenza isotropa equivalente di 15 W (e.i.r.p.) (WRC-15).

Pubblico nelle figure qui di seguito la copia delle parti del suddetto decreto che ci interessano, così come figurano nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale e, nei commenti finali, la risposta alla domanda che vi starete facendo: "Da quando si può trasmettere in 60 metri?"

Locandina mercatino Moncalvo 2018IZ1KKM comunica:

"Cari colleghi, sono a comunicarvi che con l'entrata in vigore della Delibera della Giunta Regionale del Piemonte n. 12-6830 del 11/05/2018 e la D.D. 15 giugno 2018, n. 255 (Criteri per lo svolgimento dell’attività di vendita occasionale nei mercatini aventi quale specializzazione il collezionismo, l’usato, l’antiquariato e l’oggettistica varia), il Mercatino Scambio di Moncalvo edizione autunno 2018 con data prevista il 6 ottobre 2018, VIENE POSTICIPATO A DATA DA DEFINIRE.

2014 W6N - France vs Italy - Ruck 5939
Cos'è un pile-up? Più o meno l'immagine rende l'idea..

Qualche giorno fa, stavo rispondendo alle chiamate di una stazione francese in HF con un modesto segnale (diciamo S6), un modesto operatore, una modesta opportunità (uno di quei diplomi per pensionati) e, nei momenti migliori, un modesto pile-up. Le difficoltà in cui mi costringevano le mie condizioni operative (condizioni molto più modeste di quanto detto sopra), mi mettevano in difficoltà rendendo la possibilità del collegamento piuttosto interessante, dal mio punto di vista. Beh, dopo aver risposto tre o quattro volte alle chiamate, senza essere sentito interveniva, chissà da dove, una vocina con un segnale forte forte che scandiva il mio nominativo. Il francese, avendo sentito la vocina, anche se non la mia, subito mi passa il rapporto. Lì per lì, sono solo riuscito a dire:

13 agosto 2018

Dopo tanti anni, mi è venuta voglia di appendere al muro il DXCC. Beh, per quanto non me ne sia mai importato molto, volente o nolente, in tutti questi anni ho racimolato QSL da ben più dei 100 country necessari per fare la richiesta; quindi ho scelto 100 QSL, ho compilato tutto quello che serve per fare la "Online DXCC application" (la più conveniente dal punto di vista dei costi) e sono arrivato alla pagina in cui il sistema della ARRL mi ha presentato il conto: 57 (leggasi CINQUANTASETTE) dollaroni belli! surprised Non ci credete? Eccovi lo snapshot:

Logbook of the WorldLe istruzioni su come iscriversi al Logbook of the World (LotW) dell'associazione di radioamatori americana ARRL sono piuttosto confuse e cotraddittorie, a seconda di dove si vada a reperirle. Il sito dell'ARRL ti dice una cosa, il software Trusted QSL (TQSL) te ne dice un'altra, sui vari siti dei radioamatori si leggono storielle interessanti ma le più divertenti si trovano nei vari forum radioamatoriali. Io, come radioamatore non USA, mi sono iscritto a maggio 2018, ho scaricato TQSL e l'ho installato. Poi...

Contest calendar di DL2NBY 

INRiM open day Domenica 20 maggio l'INRIM, Strada delle Cacce 91 - TORINO, organizza il suo primo Open Day rivolto al grande pubblico.

L'occasione è data dalla Giornata Mondiale della Metrologia, dedicata quest'anno al Sistema Internazionale delle unità di misura e alla sua prossima ridefinizione.

Il programma prevede:

  • ore 14.00 apertura dei cancelli del campus
  • ore 14.00-18.00
    • visite ai laboratori
    • Facebook Contest con viaggio premio in mongolfiera ai migliori metrologi dilettanti della giornata
  • ore 18.00-19:30
    • Piergiorgio Odifreddi, "La misura delle cose, da Eratostene a Verne"
    • tavola rotonda su tematiche che aiutino a comprendere il senso e l'utilità della metrologia
  • ore 20.00 fine della giornata

Non è la prima volta che i laboratori INRIM sono aperti al pubblico, ma mai lo sono stati in questo modo: il 20 maggio tutti coloro che lo desiderano potranno accedervi senza prenotazione.

I laboratori accessibili al pubblico saranno: